Bando internazionalizzazione

Incentivi all’acquisto di servizi per l’internazionalizzazione delle PMI dell’Asse III – Competitività dei sistemi produttivi del POR Calabria FESR-FSE 2014/2020.

E’ stato pubblicato il bando internazionalizzazione – edizione 2018. Lo scopo dell’intervento è di incrementare e qualificare la quota di esportazione dei prodotti e dei servizi delle imprese regionali sui mercati esteri, favorendo l’apertura del sistema produttivo calabrese.

L’avviso prevede una procedura di selezione a “sportello valutativo”.

SOGGETTI BENEFICIARI

  • Piccole e medie imprese (PMI);
  • Coloro che esercitano un’attività di lavoro autonomo.

Possono presentare domanda solo le imprese ed i lavoratori autonomi che, alla data di pubblicazione del presente Avviso sul BURC, abbiano iniziato l’attività e abbiano approvato e presentato almeno un bilancio o una dichiarazione dei redditi.
Possono, altresì, accedere alle agevolazioni di cui al presente avviso:

  • Consorzi o le società consortili di imprese;
  • Reti di piccole e medie imprese (costituite sotto la forma del “contratto di rete”, ovvero reti di imprese senza personalità giuridica Rete-Contratto, o reti di imprese con personalità  giuridica Rete-Soggetto).

REQUISITI

  • Avere un unità operativa nella regione Calabria;
  • Essere iscritte al registro delle imprese e trovarsi nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo in stato di scioglimento o liquidazione e non essendo sottoposte a procedure di fallimento, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione controllata; in caso di lavoratori autonomi non costituiti in società regolarmente iscritte al Registro Imprese, essere titolare di Partita IVA;
  • Essere in regola con le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia previdenziale, assistenziale ed assicurativa (nei confronti di INPS, INAIL, Casse di Previdenza dei lavoratori autonomi), di sicurezza sui luoghi di lavoro, di contratti collettivi di lavoro, di inserimento dei disabili, di pari opportunità tra uomo e donna, edilizia, urbanistica e di tutela ambientale;
  • Essere in regola con la normativa antimafia;
  • Possedere la capacità economico – finanziaria in relazione al progetto da realizzare;
  • Possedere la capacità operativa ed amministrativa in relazione al progetto proposto;
  • Possedere la capacità di contrarre con la pubblica amministrazione;
  • Non trovarsi in una situazione di conflitto di interesse;
  • Osservare gli obblighi dei contratti collettivi;
  • Non avere in precedenza usufruito di altri finanziamenti pubblici finalizzati alla realizzazione, anche parziale, delle stesse spese previste nel progetto;
  • Non essere stato destinatario, nei 3 anni precedenti alla data di pubblicazione dell’Avviso, di procedimenti amministrativi connessi ad atti di revoca per violazione del divieto di distrazione dei beni, di mantenimento dell’unità produttiva localizzata in Calabria, per accertata grave negligenza nella realizzazione dell’investimento e/o nel mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati dall’iniziativa;
  • Non essere responsabile di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità;
  • Non essere un’impresa il cui capitale (o quote di esso) è stato intestato a società fiduciarie. Tale esclusione si applica sia all’impresa/società richiedente che alle imprese/società controllanti l’impresa/società richiedente;
  • Disporre di un indirizzo di posta elettronica certificata attivo ai fini dello scambio di comunicazioni con l’Amministrazione regionale;
  • Presentare una sola domanda sul presente Avviso.

Per le imprese prive di sede o unità operativa in Calabria, al momento della presentazione della domanda, i requisiti sono dichiarati sotto forma di impegno e devono essere dimostrati prima dell’erogazione del primo pagamento del contributo concesso.
AMBITO DI APPLICAZIONE

  • Agroalimentare;
  • Edilizia sostenibile;
  • Turismo e Cultura;
  • Logistica;
  • ICT e Terziario innovativo;
  • Smart Manufacturing;
  • Ambiente e Rischi Naturali;
  • Scienze della Vita.

Sono esclusi:

  • Settore della pesca e dell’acquacoltura;
  • Settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.

INTERVENTI FINANZIABILI E SPESE AMMISSIBILI

Il programma proposto dovrà prevedere spese per un valore minimo complessivo di 10.000,00 euro.

Saranno concesse agevolazioni «de minimis» nella forma di un contributo a fondo perduto e nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di:

  • 200.000,00 euro per progetti proposti da consorzi/società consortili, reti di imprese o
    associazioni tra lavoratori autonomi;
  • 50.000,00 euro per progetti proposti da singole PMI o singoli lavoratori autonomi.

Possono essere finanziate almeno una delle seguenti attività:

  • Partecipazione a fiere e saloni internazionali nei paesi target e realizzazione di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;
  • Realizzazione di sale espositive e uffici temporanei all’estero;
  • Promozione di incontri bilaterali e partnership fra operatori italiani ed esteri;
  • Attivazione di azioni di comunicazione sui mercati esteri;
  • Rafforzamento dell’organizzazione delle imprese per l’internazionalizzazione;
  • Certificazione per l’export.

 

Default image
alessandrosquillaci
Articles: 108

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.